Moof! Se non è copiato da iPhone non funziona

| 18 ottobre 2019 | 5 commenti

Galaxy S10 impornta digitale

Apple ha rivoluzionato il mercato della telefonia mobile con l’iPhone. A partire da Samsung, tutti i produttori di smartphone hanno copiato l’iPhone senza farsi molti scrupoli, i sudcoreani addirittura si erano messi a riprodurre perfino la scatola del telefono di Cupertino.

Da un certo punto in poi, i produttori di smartphone hanno tentato di scrollarsi di dosso l’etichetta di copiare dall’iPhone, e così hanno cercato di introdurre rivoluzionarie funzionalità. 

Molti anni prima dell’arrivo del Face ID, i telefoni del lato oscuro dell’informatica offrivano lo sblocco con il riconoscimento facciale, ma non essendo tridimensionale poteva essere aggirato con una semplice foto. Non è un illazione, gli stessi produttori avvisano che non è sicuro.

Samsung Galaxy Note 10 Huawei P30 Pro

Poi sono stati lanciati sul mercato gli smartphone pieghevoli, che si rompono dopo 24 ore.

Infine, dal momento che molti rimpiangono il Touch ID, Samsung & C. hanno introdotto smartphone con il lettore integrato nel display frontale.  

Ho avuto modo di provare quello del Huawei P30 Pro ed è a dir poco imbarazzante, oltre ad essere lento, spesso bisogna fare un paio di tentativi prima di riuscire a sbloccare il telefono.

Ma Samsung si è superata. Il lettore delle impronte digitali ad ultrasuoni integrato nel display del Galaxy S10 si può aggirare applicando una pellicola protettiva di pochi Euro

Sembra quasi che se una tecnologia non è copiata dall’iPhone, sia destinata a non funzionare.

Il lettore delle impronte digitali ad ultrasuoni integrato nel display del Galaxy S10 si può aggirare applicando una pellicola protettiva di pochi Euro.


Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione.

Tag: , , , ,

Argomento: Moof!

Commenti (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Alessio Ferraro ha detto:

    qualcuno ha trovato una spiegazione, sarà vera? link articolo

  2. Christian ha detto:

    L’inaffidabilità, oppure la mancanza di serietà, la falsità e l’inganno sono costanti del mondo Android e ovviamente Google non può essere da meno link.

    • Christian ha detto:

      Aggiungo che il riconoscimento facciale dei nuovi Pixel 4 non funziona con Google Pay, ma forse questo è un bene, i nostri figli non potranno prendere il telefono per comprare mentre dormiamo i livelli aggiuntivi dei loro giochi click qui

      Ecco perché da quando esiste compro soli iPhone.

  3. Gblino ha detto:

    Semplice: se Apple non inserisce una funzionalità, questa o non serve o non é pronta per essere usata con sicurezza. Fine del discorso. Quando il primo iPhone arrivó sul mercato, tutti a rompere per la mancanza di videochiamata e del trasferimento file via BT. La prima era inutile e non l’ha mai usata nessuno, nemmeno al giorno d’oggi. La seconda era una potenziale falla di sicurezza infinita… Giocate con Android a fare gli smanettoni… Io vado di IOS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *