SoftRAID 5.8 guadagna il supporto per macOS Catalina

| 21 ottobre 2019 | 2 commenti

SoftRAID

OWC ha annunciato il rilascio di SoftRAID 5.8 (€168), un aggiornamento importante che aggiunge il supporto della popolare e apprezzata utility che consente di creare RAID-software (Redundant Array of Inexpensive Disks), un sistema per utilizzare hard disk multipli insieme e che fornisce prestazioni più veloci o maggiore ridondanza.

L’interfaccia utente chiara ed intuitiva, e le sue potenti funzioni fanno di questa utility un autentico must-have per ogni amministratore si sistemi, utenti “Pro”, fotografi, editori video, e anche per chi vuole backup più affidabili per il suo computer.

Utility Disco  offre funzioni RAID, ma SoftRAID sostiene che il suo prodotto è superiore, perché ha una serie di funzionalità che mancano all’utility Apple come combinare volumi RAID e non-RAID o creare dimensioni di volumi personalizzate, ad esempio.

Le note di rilascio menzionano anche le seguenti novità:

• Risolto un bug di perdita di memoria dell’applicazione.

• È stata rimossa l’applicazione SoftRAID Easy Setup dall’immagine disco di SoftRAID (adesso l’installazione si esegue con un semplice drag-and-drop nella cartella Applicazioni)

• Aggiunge il supporto per i prossimi contenitori multi-drive di OWC a 

SoftRAID 5.8 è un aggiornamento gratuito per tutti gli utenti della versione 5.x. Per €46 è possibile acquistare SoftRAID Lite che include la funzione per convertire i volumi AppleRAID in SoftRAID, e anche usufruire di tutte le funzioni di monitoraggio della salute dei dischi (integrata nella barra dei manu del Finder) e di logging.

Tag: , ,

Argomento: Mac

Commenti (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Mario ha detto:

    Approfitto dell’articolo per chiedere un suggerimento su un sistema NAS per mettere al sicuro e rendere accessibili dati (più che altro foto). Attualmente tengo le foto sul disco fisso dell’Imac che a sua volta viene salvato su time capsule e ogni tanto ne faccio una copia su ulteriore disco esterno che normalmente sta fermo e scollegato dalla rete.Vorrei passare un sistema automatico che mi dia maggior sicurezza senza vincolarmi a spese fisse tipo abbonamento cloud che mi sembra un po’ caro (attualmente ho 200 giga a 3 euro mese ).

    Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Passare ad un sistema RAID conviene economicamente solo se si hanno molti TB di dati e per ragioni professionali. Tuttavia, “mamma Apple” ha pensato ad un sistema RAID per il resto di noi, trovi tutto spiegato in quest’altro articolo click qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *