Cosa fare prima di installare Mountain Lion

| 24 luglio 2012 | 39 Comments

Installer Mountain Lion

Mountain Lion 4.51.png si può acquistare per €16 su Mac App Store, ma è una buona idea preparare adeguatamente il proprio Mac. Di seguito trovate una serie di consigli che dovrebbero contribuire a portare a termine l’installazione con successo.

Col tempo, la maggior parte dei computer accumulano file inutili, incluso software obsoleti, download mai finiti di scaricare e documenti non più necessari. Questa situazione non solo può determinare un rallentamento del Mac e rendere più difficile trovare le cose, ma può causare dei problemi al momento di effettuare un aggiornamento importante: conflitti di Sistema in primis; ed in alcuni casi anche l’esaurimento dello spazio libero sull’hard disk.

In queste occasioni, è una buona idea eseguire gli aggiornamenti dei software installati e cancellare i file non più necessari. Ovviamente, accingendosi a fare numerose modifiche, il backup completo prima di installare OS X Mountain Lion deve essere effettuato solo dopo aver portato a termine queste operazioni, riavviato il proprio computer e verificato che tutto funzioni correttamente.

Controllare i requisiti hardware e software

Per installare Mountain Lion, è necessario avere un minimo di 2GB di RAM e uno dei seguenti Mac:

– iMac: metà 2007 e versioni successive

– Mac mini: primi mesi del 2009 e successive

– Mac Pro: inizio 2008 e versioni successive

– MacBook: alluminio fine 2008, policarbonato bianco inizio 2009, e successivi

– MacBook Air: fine 2008 e versioni successive

– MacBook Pro: metà 2007 e versioni successive

Se non ricordate o avete dei dubbi sull’età del vostro Mac, leggete Mountain Lion: come verificare se il proprio Mac è compatibile e date un’occhiatina anche a Mountain Lion: il minimo di RAM è 2GB, ma è meglio avere 4GB.

Infine, c’è anche un requisito software per l’installazione di Lion: il Mac deve avere Snow Leopard versione 10.6.8 o una qualsiasi versione di 10.7 Lion. La ragione di questo requisito è che OS X 10.8 sarà disponibile unicamente tramite il Mac App Store, che è incluso con il sistema operativo solo a partire da Mac OS X 10.6.6. Inoltre.

Anche se è possibile utilizzare qualsiasi mouse tradizionale con Mountain Lion, il nuovo sistema operativo supporta una serie di gestualità che possono essere sfruttate solo con il trackpad dei più recenti MacBook, MacBook Air e MacBook Pro, con il Magic Mouse spider-mac voto 3,5 o il Magic Trackpad 4 0. Io personalmente preferisco il Magic Mouse, ma ho aggiunto un Magic Trackpad per il mio iMac giusto per sfruttare le gestualità di Lion e Mountain Lion.

Aggiornamento software di terze parti

Ogni volta che si effettua un aggiornamento da un sistema operativo ad un altro (da Lion a Mountain Lion in questo caso), molti software potrebbero risultare incompatibili oppure funzionare lentamente. Anche nella migliore delle eventualità, la maggior parte di noi dovrà aggiornare alcune applicazioni per farle funzionare sotto Mountain Lion. Come è avvenuto in passato per Tiger e Leopard, anche per OS X 10.8 non tutte le software house hanno rilasciato un update di compatibilità. La maggior parte degli sviluppatori, però, ha lavorato duramente e in questi ultimi mesi sono stati resi disponibili numerosi update pro Mountain Lion. Particolarmente utile è RoaringApps, un sito che elenca i software Mac compatibili con Mountain Lion.

Di solito, è preferibile eseguire gli aggiornamenti di software di terze parti prima di installare una nuova versione di Mac OS X.

Mac App Store

Se avete acquistato applicazioni sul Mac App Store, lanciare l’applicazione e fate click sul pulsante Aggiornamento in alto a destra sulla barra degli strumenti, in questo modo è possibile aggiornare tutti i vostri software in un click).

Per gli acquisti al di fuori del Mac App Store, fortunatamente quasi tutte le applicazioni hanno un meccanismo di aggiornamento interno. Purtroppo, non sempre funzionano allo stesso modo. Alcuni software quando vengono lanciati segnalano la presenza di un update, per altri, invece, bisogna procedere manualmente cercando la relativa opzione tra i menu. Determinati programmi possono scaricare e installare nuove versioni automaticamente, mentre altri effettuano il download di una immagine disco che contiene l’installer della nuova applicazione, altri ancora rimandano ad un indirizzo web da dove scaricare il software aggiornato.

Come anticipato, la maggior parte delle applicazioni ha un sistema di aggiornamento interno. L’opzione va cercata generalmente nel menu Aiuto o in Preferenze.

Nel caso non si dovesse trovare l’opzione per l’aggiornamento, non rimane che verificare direttamente sul sito web del produttore.

Se l’update per Mountain Lion di un software non è stato ancora reso disponibile, è una buona idea spuntare l’opzione di verifica automatica degli aggiornamenti – se presente – impostando la frequenza più bassa (giornaliera).

Aggiornamenti

Oltre ai software, bisogna controllare se è presente un update anche per widget, menu extra, plug-in e pannelli di Preferenze di Sistema. Questo tipo di applicazioni generalmente non ha una funzione di aggiornamento automatico.

Un altro sistema per verificare se esiste una versione più recente di un software, è quello di iscriversi a CNET TechTracker. Si tratta di una utility gratuita che controlla il software installato sul proprio Mac  ed avvisa l’utente non appena viene rilasciato un aggiornamento.

Techtracker Eliminare i file inutili Premessa: gli utenti di Lion per visualizzare la cartella Libreria che si trova nella Home (la casetta) devono utilizzare uno dei 9 sistemi indicati in quest’altro articolo.

Col passare del tempo, inevitabilmente si finisce per archiviare nel proprio disco rigido documenti assolutamente inutili. Eliminarli significa guadagnare spazio libero per Mountain Lion e ridurre la possibilità di conflitti tra software.

Questo step può essere anche saltato da chi ha un Mac nuovissimo, ma effettuando ugualmente una verifica, si potrebbe rimanere sorpresi dalla quantità di documenti che non servono accumulati in pochi mesi d’utilizzo.

Non sempre è facile stabilire se un documento è meglio cestinarlo o meno. Nel caso si avesse un dubbio, è meglio conservare il file senza perdere molto tempo a riflettere. I documenti che sicuramente NON vanno cancellati sono quelli che si trovano nella cartella Libreria e System.

Dove cercare i documenti da eliminare:

– Home/Documenti spesso in questa cartella si trovano file di progetti incompleti o abbandonati. E’ una buona idea verificare tutte le sottocartelle e trascinare nel Cestino del Finder anche i file di supporto delle applicazioni che non si utilizzano più.

– i Mac user che effettuano numerosi download o ricevono e-mail con allegati di grandi dimensioni, devono controllare la cartella dove vengono archiviati i file scaricati da internet (di default è la cartella Download che si trova nella Home) e la cartella Home/Libreria/Downlad di Mail.

– Home/Applicazioni (e Home/Applicazioni/Utility) in queste due cartelle bisogna cercare qualsiasi software installato in passato e non più utilizzato (spesso si conservano ingombranti demo scadute). Non è una buona idea cestinare i software Apple anche se presenti in Mountain Lion (iCal, iTunes, Calcolatrice ecc.).

– Home/Libreria/Application Support e Computer/Libreria/Application Support bisogna individuare la cartelle con i nomi della applicazioni non più utilizzate e spostarle nel Cestino.

– Home/Libreria e Computer/Libreria contengono anche cartelle con componenti di utility di terze parti. Bisogna controllare in Application Enhancers, Bundles, Contextual Menu Items, InputManagers, e PreferencePanes alla ricerca di estensioni di sistema non più utilizzate e cestinarle.

– widget di terze parti che non si usano più in Home/Libreria/Widgets.

– Le applicazioni utilizzano file di cache che incrementano la velocità e l’efficienza – se necessario la cache viene ricostruita automaticamente. E’ possibile eliminare alcuni di questi file:

1) Home/Libreria/Cache e Computer/Libreria/Cache spesso occupano diversi megabyte dell’hard disk. Questi file possono essere spostati nel Cestino.

2) svuotare la cache di Safari selezionando Safari/Vuota la cache

3) Safari conserva le favicon dei siti web visitati (la piccola immagine che appare a sinistra dell’URL nella barra degli indirizzi). Cestinare la cartella Home/Libreria/Safari/Icons.

– Alcuni software per poter funzionare in background richiedono l’installazione di un componente in Computer/Libreria/StartupItems. Nel maggior parte dei casi è bene non cancellare i file contenuti in questa cartella, però, se si dovesse riconoscere l’estensione di un software che non si utilizza più da tempo, si può spostarlo nel Cestino.

ATTENZIONE: in alcuni casi, gli elementi contenuti in StartupItems non recano lo stesso nome dell’applicazione. In caso di dubbio, è meglio lasciare tutto com’è.

– Alcune estensioni Kernel (file.kext) possono essere eliminate. Si tratta generalmente di driver per periferiche di terze parti, come mouse, tastiere che si trovano in Computer/Libreria/Extensions o Computer/System/Libreria/Extensions. Se il produttore non prevede una particolare procedura di disinstallazione, è possibile spostare questi file direttamente nel Cestino.

Qualsiasi software non più necessario può essere eliminato, ma bisogna prestare molta attenzione ai file contenuti soprattutto in Computer/System/Libreria/Extensions: la maggior parte di questi documenti è essenziale per Mac OS X. Se si nota un software obsoleto in questa cartella, è necessario lanciare l’installer e poi selezionare l’opzione Deinstaller (se prevista), altrimenti è meglio desistere.

– Alcune applicazioni effettuano un backup automatico. In alcuni casi, senza rendersne conto, si accumulano megabyte inutili che possono essere tranquillamente cancellati. Ad esempio, chi ha spuntato l’opzione Registra automaticamente la chat di iChat può valutare se cestinare la cartella Home/Documenti/iChat.

Terminata la fase di eliminazione, bisogna ricordarsi di svuotare il Cestino (Finder/Vuota Cestino). Se dopo aver eliminato tutto il superfluo serve ancora spazio, si può provare una di queste due opzioni:

– Fare un backup su CD o DVD di file poco utilizzati ed eliminare gli originali presenti sull’hard disk. Dopo aver installato Mountain Lion è possibile trasferire questi documenti dal supporto utilizzato.

– Comprare un secondo hard disk oppure utilizzare l’iPod come disco rigido svuotandolo momentaneamente.

TIP: è una  buona idea utilizzare un software di disinstallazione:

AppZapper ($13)

– AppDelete (€1,59)

CleanApp ($15)

– Spring Cleaning ($50)

Uninstaller ($29)

Inoltre, si può far ricorso a due utility che non disinstallano le applicazioni, ma servono ad individuare i file di grandi dimensioni che potrebbe convenire cancellare:

WhatSize (€12) 4 0

– GrandPerspective (freeware) 4 0

Infine, i Mac user che cercano una utility specializzata nel trovare file o cartelle duplicate per eliminarle facilmente, possono acquistare una licenza di Tidy UP! (€23).

Leggere anche Guadagnare spazio su Mac: 10 consigli facili da mettere in pratica

Utility Disco

Dopo aver eseguito le operazioni indicate ai punti precedenti, è bene procedere alla riparazione dei permessi e del disco. In Applicazioni/Utility lanciare Utilty Disco. Selezionare l’opzione Verifica permessi disco e nel caso la verifica dovesse evidenziare dei problemi, scegliere l’opzione Ripara Permessi.

Utility Disco Verifica disco

Con Lion: riavviare il Mac tenendo premuti i pulsanti ⌘-R per accedere alla partizione Recovery. Una volta completato l’avvio di Recovery HD, dovreste visualizzare la Scrivania con una barra dei menu di Mac OS X e la finestra dell’applicazione “Utility Mac OS X”. Selezionate Utility Disco, e dalla successiva finestra, nel riquadro di sinistra apparirà l’hard disk del proprio computer, evidenziatelo con un click e poi selezionate Verifica o Ripara disco.

Utility Mac OS X

Con Snow Leopard:

– boot esterno (avvio esterno): inserire DVD 1 installer di Snow Leopard e riavviare il Mac tenendo premuto il tasto C. Selezionare la lingua desiderata e da Installazione scegliere Apri Utility disco. 
Nel riquadro di sinistra appariranno due volumi, il DVD inserito e l’hard disk del proprio computer, click su quest’ultimo e poi Verifica o Ripara disco.

– Avvio modalità utente singolo: se non si dispone del DVD 1 installer, riavviare il Mac tenendo premuti command-S 
All’apparire della schermata nera, scrivere il seguente comando fsck -fy e premere Invio 
Verranno eseguiti gli stessi controlli di Utility disco. Al termine, per riavvaire il Mac digitare reboot e premere Invio
.

Test hardware

L’Apple Hardware Test (AHT) controlla tutte le componenti hardware del proprio computer, inclusa la RAM, il modem, la scheda AirPort e così via. Apple Hardware Test non ripara nulla, però individua le componenti hardware del Mac difettose che è poi possibile sostituire in seguito recandosi presso un centro di assistenza autorizzato di Cupertino.

L’Apple Hardware Test è una partizione invisibile dell’hard disk. Per lanciarlo basta avviare il computer  tenendo premuto il tasto ALT (sui Mac più vecchi l’AHT è incluso sul DVD di installazione, in questo caso bisogna inserire il DVD e riavviare tenendo premuto il tasto D).

Alcuni Mac con OS X Lion pre-installato supportano l’utilizzo di Apple Hardware Test su Internet. Se Apple Hardware Test non è presente nel disco rigido, il computer sarà avviato con una versione di AHT basata su Internet. Per utilizzare questa funzione, è necessaria una connessione a Internet.

Eseguire questo test prima di installare Mountain Lion può servire per sapere se sarà necessario riparre il proprio computer e se vale la pena farlo o è meglio comprarne uno nuovo.

Prima di effettuare il test, leggere attentamente le istruzioni allegate (che possono variare a seconda del modello di Mac).

Fare il backup del Mac e verificare che funzioni

Personalmente consiglio di creare un clone del disco di avvio con SuperDuper spider-mac punteggio 4,5 (è ha pagamento, ma è possibile scaricare una versione gratuita che permette di effettuare una “clonazione”), anche se il backup di Time Machine è altrettanto valido. Per testare un clone avviabile di backup o altro, utilizzare il pannello Disco di Avvio nelle Preferenze di Sistema per l’avvio dal disco di backup. Per verificare un backup di Time Machine o altro non avviabile di backup, ripristinare alcuni file per accertarvi che il processo funzioni.

Tag: , , ,

Argomento: Mac

Commenti (39)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Clarus ha detto:

    L’app gratuita CNET TechTracker è spettacolare. Non la conoscevo. L’uomoragno ne sa sempre una in più del Diavolo!

  2. Tony ha detto:

    Ciao e grazie sempre per i tuoi utili consigli…
    Io posseggo oltre ad un iMac più recente un MacBook Pro metà 2009 con dual core duo a 2,53 ghz 8 gb di ram e recentemente ho montato un vertex 3 da 240 gb, quando lo acquistato aveva installato Leopard da quasi subito lo aggiornato a Snow Leopard e l’anno scorso col Lion senza aver avuto nessun problema o rallentamento…ora passeró a mountain Lion e quindi tu cosa mi consigli, di aggiornare come ho fatto fino ad ora oppure di inizializzare il disco prima di installare?
    A proposito quando verrà rilasciato secondo te? Si dice quasi sicuramente domani..grazie di tutto e buon lavoro.

  3. Leonardo Ferri ha detto:

    Consiglio anche AppCleaner per disinstallare le applicazioni, oppure AppTrap. Funzionano in modo diverso ma sono entrambe gratuite e svolgono bene il loro dovere.

  4. enzo ha detto:

    una data certa la si conosce??

  5. Aladar ha detto:

    Si è già a conoscenza di un metodo x masterizzare la copia di ML che si scarica ? Dovendola installare su tre Mac devo x forza riscaricarla tre volte ?

  6. Fabz ha detto:

    Ciao Stefano. Io ho un dubbio che forse mi puoi aiutare a sciogliere.
    Ho appena preso un macmini i5 con Lion. Ho già acquistato un SSD e il kit per aggiungerlo all’hdd da 500gb nativo. Non appena disponibile in APP STORE, posso istallare Mountain Lion come istallazione ex novo sull’SSD “vergine”, che nel frattempo avrò già montato e formattato? Oppure devo per forza usarlo come aggiornamento per Lion? Quindi istallare Lion dalla partizione di ripristino sull’SSD (si può fare?) e poi aggiornare a M.Lion.
    Qualche consiglio?
    Grazie anticipatamente.
    f.

  7. Ivano Prandini ha detto:

    BuonGiorno..
    Complimenti per tutte le guide e le informazioni del vostro sito…
    Volevo chiedere informazioni riguardo all installazione del nuovo lion mountain….
    Ho seguito la vostra guida per salvare una copia di lion…credo che per il nuovo sistema operativo sia simile…
    Devo installare OSX Lion Mountain su un iMac 27 fine 2011…con due hd uno hd l altro ssd…non ho mai installato il sistema operativo con due hd..
    E ancora in garanzia….
    Acquistato i primi di luglio 2012..con l aggiornamento credo lo fa in automatico…se volessi fare una installazione “pulita”quale sarebbe la procedura corretta ?
    Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Ciao Ivano, la procedura per l’installazione pulita dovrebbe essere uguale a quella per Lion (click qui), però è necessario aspettare che Mountain Lion sia disponibile su Mac App Store per avere una conferma. In ogni caso, non appena avrò scaricato Mountain Lion pubblicherò una guida.

  8. raffaele ha detto:

    Stefano invece di superduper e cnet vanno bene carbon copy cloner e appfresh secondo te?

  9. Curiosone ha detto:

    A questo sito oggi dalle ore 23 italiane si vedrà la presentazione dei risultati fiscali di Apple:

    http://www.apple.com/quicktime/qtv/earningsq312

    Magari alla fine diranno che esce domani Mountain Lion, da tenere d’occhio, se non dura troppo la conferenza.

  10. Itanat ha detto:

    Ciao a tutti,
    Stefano, ho acquistato il nuovo macbook pro retina, l’ultima volta ho utilizzato carboncopy per clonare il vecchio mac e poi montare il disco sul nuovo, in questo caso avrò un disco ssd, la procedura potrà essere la stessa?
    Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Sul MacBook Pro Retina non devi fare nulla di quanto riportato nell’articolo perché è nuovo. All’inizio, quando lo configuri ti chiederà se desideri importare da un backup documenti e app, seleziona quello che ti interessa, ma non devi ripristrinare il sistema operativo precedente.

  11. Nuovobuio ha detto:

    Una domanda.. Ma le note che adesso sono in mail, che fine faranno, dato che nella nuova mail le note non ci sono più? Come farò a recuperarle con timeMachine?

  12. help ha detto:

    scusate ma ho installato safai 6.0 pero’ su lion ed è scomparsa la piccola barra in alto a destra di google per la ricerca
    mi sapete dire cosa è successo??

  13. Angelo ha detto:

    Ciao Stefano,
    ho scaricato ML e mi ritrovo con questo bel problema…allora: Air 2011 con Lion, sempre andato perfettamente, oltre 150GB liberi su SSD, prima di scaricare ML controllato aggiornamenti, riparato permessi e controllato che fosse tutto ok; scarico ML e lo installo.
    Al riavvio il Problema; non c’è verso di ripartire…mela e rotellina che gira per ore (tutta la notte). Provo a riavviare ALT+Start, Maiusc+Start, tuttoquellochecè+Start…:niente…sempre una bella rotellina che gira. Unica soluzione, devo reinstallare da TM.
    Il tutto per due volte.
    Verbose mode (ultimo rigo) mi dá:
    BootCacheControl: Unableto open/var/db/BootCache.playlist: 2 No such file
    or directory
    Purtroppo non so cosa voglia dire…qualche idea?
    Morale:se voglio lavorare,devo usare Lion (che peraltro va benissimo, ma tantè…).
    Ciao e grazie.
    Angelo

  14. Alfi ha detto:

    Sono nel panico: ho seguito tutti i consigli fino alla riparazione del disco. Tutto ok.
    Vado a riavviare e mi vengono in alto a sinistra delle scritte incomprensibili (tipo errore di sistema di windows) del tipo:

    Panic(cpu 0 caller oxfffffff8000064ba7b): unable to find driver for this Platone: \”ACPI\”\…..

    Ecc.ecc. Ecc. ( non sto a copiare tutto, sono una decina di righe).

    A un certo punto dice :

    Can’t perform kext scan: no kext summary
    BSD process nome corrispondono to currant thread: Unknow

    Insomma un casino.
    Ovvio che il time machine mi apprestavo a farlo…….

    Consiglia di spegnere e riaccendere ma non cambia nulla.
    Disperato.

    • Stefano Donadio ha detto:

      Prova a vedere se ti può essere utile questa discussione sul forum Apple.

      • Angelo ha detto:

        Grazie Stefano,
        ho provato (e riprovato…)ma piuttosto che niente dopo il riavvio, quando devo selezionare il disco esterno,lo vede ma me lo dà “sbiadito”, cioè non cliccabile…evidentemente sbaglio qualcosa, ma non capisco dove…ho seguito attentamente le tue indicazioni e anche quelle dei tutorial, ma niente…appena ho tempo lo porterò in assistenza, intanto Lion lavora sempre egregiamente…ciao.
        Angelo

  15. GIordano ha detto:

    Vorrei tornare per un breve periodo a Lion perchè il mio macbookpro del 2009 a cui ho cambiato la scheda logica esattamente un anno fa (in garanzia al tempo eprchè era un problema riconosciuto dalla Apple) sta tornando a darmi gli stessi problemi di prima: il mac si surriscalda esternamente che non ci posso tenere la mano sopra e cosa che temo ancora di più comincia a darmi problemi al monitor (esattamente quello che accadeva prima). se il problema è lo stesso peggiorerà fino a morire. Perdonate il piccolo sfogo ma i quasi 2.000 euro spesi tre ani fa li sto per buttare.

    A questo punto vorrei provare a tornare a lion che ho su un HD esterno perchè il probelma si è verificato dopo aver installato ML. Dubito siano collegate le cose ma sono (un po’) disperato.
    Vorrei quindi azzerare il mac e installare lion 10.7 dal disco esterno.
    quali i passaggi per farlo nella maniera più pulita?

    Altra domanda, scusate:
    nel reimportare il backup da Time Machine scegliendo cosa importare e cosa no, c’è un modo per importare le singole applicazioni senza reinstallarle?
    Grazie a Stefano per il suo lavoro e a voi per i consigli sempre utili.
    Giordano

    • Stefano Donadio ha detto:

      Per tornare a Lion ti servono tre cose:

      1) disco o media avviabile di Lion

      2) disco o media avviabile di Mountain Lion

      3) Backup dei dati con Time Machine o equipollente

      Procedura:

      – avvio del Mac con disco avviabile Mountain Lion, e tramite Utility Disco inizializzi A) hard disk; B) partizione Recovery

      – spegni il Mac e avvio con disco avviabile Lion e installi

      – quando richiesto, importare dal backup i dati

  16. GIordano ha detto:

    Ciao Stefano,
    posso procedere ugualmente se a utility disco per inizializzare il tutto ci arrivo riavviando e tenendo premuto il tasto ALT?
    Non ho al momento disponibilità di altri supporti per creare un disco con ML e immagino non possa essere lo stesso dove è presente Lion giusto?
    grazie ancora
    Giordano

    • Stefano Donadio ha detto:

      Oltre all’hard disk devi formattare anche la partizione Recovery e lo puoi fare solo da un drive esterno. Se non elimini la partizione Recovery 10.8, non puoi fare l’avvio dal drive bootable di Lion.

  17. valerio ha detto:

    Ciao a tutti, desidero sostituire il mio hardisk da 640Gb con uno da 2Tb per il mio iMac2009, Mavericks è incompatibile con alcuni software che utilizzo quindi preferirei utilizzare Mountain. Io ho installato snow leopard, posso passare da questo a Mountain, oppure per forza devo comperarmi anche Lion?
    Grazie

  18. valerio ha detto:

    Quindi con il mio nuovo hardisk lo formatto come Mac OS Extended (Journaled)
    , poi installo Mountain Lion…così vedo il tutto più pulito senza tracce di nulla.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *